Le Tematiche

L’e-commerce è diventato una parte essenziale del commercio globale. Rappresenta un’unità di crescita delle economie europee e mondiali. Promuove gli interessi dei consumatori grazie a una selezione senza precedenti di prodotti e servizi con informazioni trasparenti, con offerte e prezzi. Ispira innovazione tecnicacome, ad esempio, il commercio mobile.

 

Questi elementi positivi dell’e-commerce devono essere preservati e rafforzati, a beneficio di venditori, produttori e consumatori, ma oggi sono in pericolo:

 

  • Un numero crescente di proprietari, marchi e produttori stanno limitando il commercio su internet usando, ad esempio, termini contrattuali volti a fermare i venditori dal commerciare prodotti su internet.

 

  • Sempre più spesso le vendite sui mercati online e altri siti web vengono impedite per prodotti di uso quotidiano, come giocattoli per bambini e beni elettronici; persino tosaerba e passeggini:

 

  • La giustificazione dei soggetti da cui parte il divieto, è che vogliono la migliore presentazione su internet per qualsiasi bene venduto online. E per questo stanno limitando i “luoghi” in cui le merci possono essere vendute. I divieti generali sono un passo troppo lungo e non vi è alcuna giustificazione per condizioni di vendita onerose o per il divieto totale su un intero canale di vendita.

 

  • I divieti di vendita online sono dannosi per i consumatori e le piccole imprese. Ostacolano, infatti, l’innovazione, impediscono gli scambi transfrontalieri e uccidono la crescita dell’e-commerce. Questo solleva serie preoccupazioni per quanto riguarda la realizzazione di un mercato unico in Europa e impedisce a tutti di approfittare delle possibilità tecniche ed economiche di internet.

 

AGIRE ORA ARRESTARE IL DIVIETO

>> FIRMA LA PETIZIONE